Trekking UniFi

Sito della Sezione Trekking del Circolo Dipendenti dell'Universita' degli Studi di Firenze

22-23/06/13 Castelluccio di Norcia


 

castelluccio 2013

Foto di Roberto Di Ferdinando

24 Photos

castelluccio

Foto di Elisabetta Brunello

28 Photos

castelluccio x 2 dì

Foto di paolo Bini

41 Photos

Guarda anche le foto della ciaspolata

Come dimenticare il tormentone della cena, le famose nel mondo : pesche di rosano

 

L’altopiano di Castelluccio è testimone di un evento di particolare importanza: la fioritura.

Per diverse settimane la monotonia cromatica del pascolo viene spezzata da un mosaico di colori, con variazioni di toni che vanno dal giallo ocra al rosso. Ogni anno le specie floreali che tingono il Pian Grande e il Pian Perduto, in questo periodo, sono innumerevoli. Camminando lungo i sentieri possiamo incontrare: genzianelle, narcisi, violette, papaveri, ranuncoli, asfodeli, viola eugeniae, trifogli, acetoselle e tant’altro. Nei due giorni percorreremo aerei sentieri in un ambiente spettacolare che ci faranno sognare le praterie asiatiche. Escursioni verso il monte Vettore e sulla Cresta del Redentore.

Sabato: da Castelluccio (m. 1.452) si scende sul Piano Grande dove faremo varie soste per ammirare i colori degli appezzamenti del terreno. E’ obbligo fare fotografie in uno scenario che nel mese di giugno si presenta unico; raggiungeremo poi in auto il Rifugio Colle Le Cese (m. 1.500). Dopo il pranzo (al sacco o al rifugio) partiremo per l’escursione.

Un bel percorso panoramico ci farà arrivare sulla cima del Monte Macchialta ( 1.723 m) e poi al monte Pellicciara (1.687 m) fino ad arrivare al rifugio degli Alpini ( m. 1.560 ). Un bel sentiero attraverso la Macchia Cavaliera ci riporterà al rifugio Colle Le Cese dove pernotteremo.

Domenica: dopo colazione raggiungeremo la Forca di Presta ( 1.536 m. ) da dove parte l’escursione del giorno. Si sale verso il rifugio Zilioli (incustodito – m. 2.238). In base alle capacità del gruppo si può: scendere ai laghi del Pilato e poi risalire alla Forca Viola oppure arrivare sempre alla Forca Viola ( 1.936 m) per la Cresta del Rendentore : un percorso aereo molto appagante e remunerativo.

Dalla Forca Viola si scende alla capanna Ghezzi e poi si arriva sul Piano Grande per tornare poi alla Forca di Presta.

Abbigliamento consigliato: scarponcini da trekking, bastoncini, zaino con pranzo a sacco, acqua Trasferimento con mezzi propri Max 22 persone